Promozione spettacolo “Albanaia” – Teatro della Cooperativa

AMADIO/FORNASARI
da un romanzo di Augusto Bianchi Rizzi
drammaturgia Tommaso Amadio e Bruno Fornasari
con Tommaso Amadio e il Coro ANA di Milano diretto dal M° Massimo Marchesotti
scene e costumi Aurelio Colombo
assistente Chiara Serangeli
regia Bruno Fornasari
produzione Teatro Filodrammatici di Milano

 

> PROMOZIONE RISERVATA NEWSLETTER. <

BIGLIETTI AL PREZZO SPECIALE DI 10 EURO.
UTILIZZA IL CODICE SCONTO 10037 PER L’ACQUISTO ONLINE OPPURE
SCRIVI A info@teatrodellacooperativa.it INDICANDO DI ESSERE ISCRITTO ALLA NEWSLETTER.

INFO E PRENOTAZIONI: 026420761 – info@teatrodellacooperativa.it

 

“… ho un figlio che appena si regge ai primi passi. Per lui voglio scrivere questo mio diario di guerra intessuto fedelmente sui pochi appunti presi quasi ogni giorno nella Campagna italo-greca (28.10.1940 – 22.04.1941), cui io partecipai in qualità di medico di Compagnia alpina.”

Il protagonista di Albanaia è il tenente medico Vittorio Bellei che ci accompagna in prima persona, attraverso frammenti del suo personale diario di guerra.
La drammaturgia, tratta dal romanzo di Augusto Bianchi Rizzi, mette al centro un uomo e le sue convinzioni, la storia di un medico che aderisce con rigore etico e morale al sistema di valori del suo tempo e dedica tutto se stesso alla causa in cui crede.
Dopo la nascita del figlio, Vittorio Bellei parte con le truppe alpine per la guerra d’Albania. Con lui siamo a Brindisi prima della viaggio per Tirana, poi in trincea sotto il fuoco nemico fino ad affrontare il gelo del monte Guri i Topit. A quota 2120 il nemico peggiore è proprio il freddo e gli alpini, mal nutriti e male attrezzati, combattono sotto terra e nelle trune ghiacciate la loro più dura battaglia di resistenza contro un esercito greco in forze e meglio organizzato.
Il dottor Vittorio Bellei è lì per loro, per aiutarli a superare la nottata, in alcuni casi a sopravvivere al male della lontananza. La sua professione, o forse missione, lo costringe a sentire la vita correre via dai suoi commilitoni, sotto forma di bomba a mano o di nostalgia fredda come le trincee gelate in alta quota. L’unico sollievo sembrano essere le partite a carte in tenda, tra un allarme e l’altro, il momento del pasto scarso e condiviso, il momento di cantare insieme per non sentire il silenzio, per non aver paura di quel silenzio.

Albanaia è quindi, e soprattutto, la storia di un uomo che si trova a dover confrontare il rigore dei principi con la comprensione umana degli affetti, l’insensatezza della sofferenza quotidiana con la sua legittimazione idealistica.

Teatro della Cooperativa
via privata Hermada 8, Milano
Tel. 026420761

www.teatrodellacooperativa.it




Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.